Italian Parliament approves military agreement with Israel


Thanks to Insegna del Veltro for sending this to Al-Awda Italia. I’m translating part of it, the entire text is attached here in Italian for my Italian readers to note which parliamentarians voted and how they voted.
NB: La versione completa in italiano segue. C’è anche una valutazione politica della posizione di Fassino che trovo molto interessante.

The Parliament has approved a memorandum of military agreement with Israel. The left thinks about it and votes against it.

MANLIO DINUCCI
Just a quarter of an hour: that’s how long the Chamber of Deputies took the day before yesterday to approve a law n. 5592 for the ratification and execution of the Memorandum of Agreement between Italy and Israel regarding cooperation in the military and defence sector. A quarter of an hour to render excecutive that which the Foreign Affairs Minister Gianfranco Fini, and the Defence Minister Antonio Martino, have defined as “a precise political commitment assumed by the Italian government regarding cooperation with the State of Israel in the field of defence”: a Five Year Accord (that can however be automatically renewed) that includes the exchange of armaments, the organisation of the armed forces, the formation and training of military personnel, research and development in the military field. A quarter of an hour to make it that Italian High Technology can be secretly utlised to potentiate the Israeli nuclear forces (which do not adhere to the Non Proliferation Act) and to render the arms used by the Israeli army in the Palestinian Territories occupied since 1967 even more lethal; to vanify Law 185 on the control of arms sales, given that it will not be possible to control the nature and destination of the armaments produced and exported in the limits of the accord.

The Law passed with 178 in favour, 139 contrary and 4 abstentions. The opposition has made a pass ahead in comparison with the Senate, where the Memorandum of Agreement was approved last 2 February with 170 in favour, 18 contrary and 4 abstentions. That was thanks to the fact that the groups DS, l’Ulivo, Margherita, DL, (centre-left parties) were sided with the centre-right.

Ora l’Italia sostiene l’oppressione dei palestinesi

Il parlamento ha approvato il memorandum d’intesa militare con Israele. La sinistra ci ripensa e vota contro

MANLIO DINUCCI

Appena un quarto d’ora: questo è il tempo che la camera ha impiegato l’altroieri per approvare il disegno di legge n. 5592 per la ratifica ed esecuzione del Memorandum d’intesa italo-israeliano in materia di cooperazione nel settore militare e della difesa. Un quarto d’ora per rendere esecutivo quello che i ministri degli esteri, Gianfranco Fini, e della difesa, Antonio Martino, hanno definito «un preciso impegno politico assunto dal governo italiano in materia di cooperazione con lo stato d’Israele nel campo della difesa»: un accordo quadro quinquennale (che però può essere rinnovato automaticamente) che comprende l’interscambio di materiale di armamento, l’organizzazione delle forze armate, la formazione e l’addestramento del personale militare, la ricerca e sviluppo in campo militare. Un quarto d’ora per far sì che alte tecnologie italiane possano essere segretamente utilizzate per potenziare le forze nucleari di Israele (che non aderisce al Trattato di non-proliferazione) e per rendere ancora più letali le armi usate dall’esercito israeliano nei territori palestinesi occupati dal 1967; per vanificare la legge 185 sul controllo del commercio di armi, dato che non sarà possibile controllare la natura e destinazione degli armamenti prodotti ed esportati nel quadro dell’accordo.

Il disegno di legge è passato con 178 favorevoli, 139 contrari e quattro astenuti. L’opposizione ha compiuto un passo avanti rispetto al senato, dove il memorandum d’intesa era stato approvato il 2 febbraio con 170 favorevoli, 18 contrari e quattro astenuti. Ciò grazie al fatto che i gruppi Democratici di sinistra-L’Ulivo e Margherita-DL-L’Ulivo si erano schierati con il centro-destra. Alla camera hanno invece votato contro, insieme a Rifondazione comunista, Comunisti italiani e Verdi (già oppostisi in senato). Le argomentazioni contrarie sono state esposte da Ramon Mantovani (Rc), Laura Cima (Verdi-L’Unione), Sergio Mattarella (Margherita DL-L’Ulivo), Valdo Spini (Democratici di sinistra-L’Ulivo). In rappresentanza del governo di centro-destra ha parlato Margherita Boniver, sottosegretario di stato per gli affari esteri. Dato lo sfavorevole rapporto numerico, l’opposizione si è vista respingere perfino un ordine del giorno che impegnava il governo a presentare una relazione annuale sulle attività progettate e realizzate nel quadro dell’accordo.

Nonostante ciò, va sottolineato, è stato lanciato un significativo segnale politico al governo Berlusconi. Non si può però dire che il centro-sinistra abbia imboccato in politica estera una via realmente alternativa rispetto a quella del centro-destra. È vero che il gruppo Democratici di sinistra-L’Ulivo ha ribaltato in questo caso la posizione assunta al senato. Ma è anche vero che autorevoli esponenti del gruppo hanno fatto in modo di non votare: tra questi Luciano Violante (presidente, ufficialmente assente perché «in missione»), Famiano Crucianelli, Marco Minniti, Umberto Ranieri, Livia Turco, Piero Fassino.

Forse il segretario nazionale dei Ds, Piero Fassino, aveva cose più importanti da fare. Ma può darsi anche che si sia volutamente sottratto al voto in previsione dell’annunciato viaggio in Israele insieme a Prodi e Veltroni, durante il quale dovrebbe incontrare il primo ministro Ariel Sharon. Se questi gli chiederà come ha votato sull’accordo militare Italia-Israele, potrà sempre dire: io non c’ero

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s